Jovanotti a Volo in Diretta


Fabio Volo nella puntata di mercoledi 25 ottobre di “Volo in Diretta” (Rai 3) ha mandato in onda una intervista con Jovanotti realizzata a New York. I due hanno parlato di musica, cinema, libri del cuore e le sensazioni del cantante nella Grande Mela.Fabio ha chiesto a Lorenzo il testo di riferimento:

“Il mio testo di riferimento è Graceland di Paul Simon. Perchè tutti, se ci pensi, alla fine verranno ricevuti a Graceland, la casa di Elvis e la terra della Grazia”

I tre album che hanno dato uno ’spintone’ alla sua vita:

“Licensed to Ill dei Beastie Boys, Tougher Than Leather dei RUN D.MC e In the Jungle Groove di James Brown”

E quando sente i suoi brani cantati da qualcuno?

“Più diventa degli altri, più diventa mia. Quella che non diventa degli altri un po’, sai com’è, le guardi e ti chiedi “Perchè?”, perchè non hai funzionato?”

Non c’è una canzone che Jovanotti ha iniziato ad “odiare” perchè troppo vista come un simbolo della sua carriera musicale:

“Non, non ho un brano che odio dover cantare… Poi sì, ovviamente c’è qualche canzone che ti chiedono tutti e che magari senti che ti limita o che potrebbe essere un problema perchè sembra quella che ti rappresenta…”

Si arriva ai libri, al titolo che regalerebbe a tutti se potesse…

“E’ Pinocchio, adoro l’idea di questo burattino che diventa bambino vero e proprio passando attraverso le vicissitudini della vita, attraverso anche il dolore e la scoperta del mondo. Lo trovo pazzesco”

Infine la sua scena cult in un film è

“… la camminata di John travolta ne La febbre del sabato sera”

e il sogno di poter esperimere la propria idea politica senza essere al centro di critiche e polemiche, la riflessione che

“… una cosa che dobbiamo imparare è il poter sostenere un candidato ed essere rispettato per queste tue idee”

Per rivedere la puntata in streaming: rai.tv