Torino 29/11/11

Jovanotti uguale ma migliore

In tutti questi mesi lo spettacolo non è cambiato molto, si è fatto semmai più affilato e compatto, ed è migliorata l’interazione tra la musica (con la band tutta ammassata sulla sinistra del palco) e le immagini, con un maxischermo hi-tech che sta al centro della scena. Chi ha avuto la prontezza e la fortuna di acquistare i biglietti, come a maggio, si divertirà. Forse un po’ di più.

fonte: Piero Negri – La Stampa