Italian Riders Magazine

Jovanotti, appassionato di moto, ha rilasciato un’intervista a “Riders Italian Magazine”, mensile che festeggia il quarto anno di vista.
“Mi piacciono le moto perche’ rappresentano la liberta’. La liberta’ di prendere e andare.
L’auto e’ l’evoluzione della carrozza. La moto e’ il cavallo. Un uomo in una carrozza e’ uno in carrozza, un uomo e un cavallo danno vita a un essere mitologico che mantiene le caratteristiche dei due esseri: il centauro. Il centauro e’ composto da due meta’: meta’ saggio e meta’ folle, meta’ tenero e meta’ irascibile. Due meta’ in equilibrio su una linea che e’ la strada, come quella che inizia davanti alla casa di ognuno, che in genere e’ il punto dove inizia la passione per la moto.

L’evoluzione ha fornito due punti di contatto col suolo solo agli uccelli e agli esseri umani, tutti gli altri ne hanno quattro oppure strisciano, la moto quindi credo abbia un contatto profondo con l’essere umano e il volatile. Non lo contiene, non lo trasporta, ma lo completa. Forse lo realizza”.