Palasport – Acireale (CT) 26/04/11

Jovanotti incanta il pubblico di Acireale
“Quest’anno ho voluto fare una cosa diversa, poche parole. Ho voglia di abbracciarvi veramente, di dire ragazzi siamo qua adesso! Non ieri, non fra 10 anni, adesso, in questo momento. È tutto qua. Ed e’ una meraviglia, e’ difficile, e’ un casino. Molti vengono qua, vi dicono le cose, vi riempiono di bla bla bla, ma voi lo sapete che e’ complesso, e’ tutto difficile: la realta’ e’ complessa, l’universo e’ complesso, ma noi siamo belli, siamo esseri umani, siamo un miracolo della creazione, era questo che volevo dire. Possiamo scegliere sempre. Ogni nostro passo e’ una scelta”. E’ con queste parole che Jovanotti ha salutato il pubblico di Acireale in chiusura di concerto: un viaggio nella quarta dimensione di oltre due ore, in cui si balla, si salta, si canta, si urla. Energia allo stato puro che si propaga dalla massa, per la massa. Lorenzo non si smentisce, e’ il solito animale da palcoscenico, che con un “best-of” dei suoi migliori brani, dedicato soprattutto al nuovo album ORA, ha accompagnato il pubblico in un viaggio nella storia della sua discografia, raccontando il filo conduttore che lega “Il capo della Banda” a “Dabadabadance”, svelandosi batterista e dedicando una parte alla scratch music, allo swing, alla bossa nova, all’african music, per poi lasciar scatenare i fan con psichedelici suoni da rave party. Maxi-schermo sul lato destro, band a sinistra e il suo famoso palco a T che permette all’artista di avanzare nel parterre e interagire meglio col pubblico. Uno spettacolo proiettato verso il futuro, con video tridimensionali e un mega impianto luci e laser, ma che rientra piu’ nei canoni standard del concerto rock. Rispetto ai suoi precedenti show, infatti, stavolta meno spazio alle parole, alle “pillole di saggezza” e agli effetti scenici interattivi: sparita l’altalena insieme a “Serenata Rap” (sacrificata dalla scaletta), sparita anche la palla gigante che accompagnava “Falla girare”. Straordinari invece i nuovi mix tra vecchio e nuovo, tra passato e futuro, che fondono insieme piu’ canzoni regalando al pubblico nuove creazioni, all’apparenza improvvisate, dalla potenza inaudita. Fan in delirio e Lorenzo, sudato e felice, continua a far sbrilluccicare le sue scarpette su e giu’ per il palco urlando: “saro’ sempre Jovanotti, perche’ noi tutti saremo giovani per sempre. Go”.

fonte: Italpress

Lo spettacolo di Jovanotti ad Acireale
Grande Jovanotti il 27 Aprile 2011 ad Acireale (Ct)! Non me l’aspettavo ma è stato proprio un bello spettacolo! Colorato, vario, suoni misti, lento-elettronico-tribale…e chi più ne ha più ne metta!
Con le immagini riprese in diretta e proiettare nello schermo dietro…così da avere una prospettiva a tutto tondo dello show! Ha anche sfoggiato una tazza con scritto : I love sicily!!!Spacchiusissimo!!!;)
Grinta e improvvisazione hanno reso lo spettacolo divertente.
I musicisti “Supereroi” sono proprio bravi!
Cambio di abiti almeno 3 volte per Lorenzo, sempre elegante ma frizzante! Quoto le scarpe argentate!!!;)

fonte: paperblog