Jovanotti su NYC-site.com

E’ partito il 22 aprile il breve ma importante tour che porterà Jovanotti per i locali storici del rock undergronud americani. I concerti saranno tutti in locali celebri per aver ospitato i grandi nomi della musica mondiale prima che diventassero “mainstream”, dai Nirvana ai Beastie Boys ai Ramones ai Clash (per fare solo qualche nome).

Si parte da Washington e si finisce questo breve giro a Chicago passando da New York (suoneranno al Webster Hall, un locale veramente leggendario), Philadelphia, Boston, Montreal e Toronto in Canada.

E’ un tour che prosegue il lavoro inziato lo scorso anno quando Lorenzo insieme a un collettivo di msuicisti (Saturnino, Riccardo Onori, Gil Olivera, Kristos Rafaelidis, Charles Blenzig, Gilamr Gomes, Meia Noite) ha suonato nei locali di New York per due mesi esibendosi tre volte a settimana generando un passaparola e lasciando un segno importante in città. La prossima estate anche se l’esperienza non si ripeterà tale e quale forse ci sarà qualche concerto nella west coast e potrebbe esserci qualche nuova puntatina a New York (si sa che Lorenzo quest’anno lo dedicherà interamente,a parte questi pochi concerti, alla realizzazione del nuovo disco previsto per il 2011).

Il 2011 dovrebbe vedere il ritorno di Grandmaster Lorenzo Jova Cherubini sui palchi d’italia e d’Europa ma per quest’anno lasciamo godere i fratelli oltreoceano con uno dei set live più incredibili in circolazione, tanto da meritarsi pagine sui giornali e sui media, anche quelli più scettici rispetto alla musica che non parla esclusivamente inglese.

Il SOLELUNA NY LAB è una vera e propria avventura musicale attraverso la quale ogni sera i pezzi diventano qualcosa di unico e irripetibile. Si va sul palco senza scaletta e ogni sera può succedere di tutto in quella che si trasforma in una festa emozionante e molto liberatoria. Qualcosa che sta tra il Funk, l’afro beat, il jazz, il dub, il samba di strada, il funk latino, il rock’n’roll, l’improvvisazione e la melodia di Lorenzo (che ormai è quasi un genere).

Chi ha visto Lorenzo nei palasport e nei grandi festival europei sa bene cosa sia l’energia live della sua musica, ebbene negli ambienti dei club impregnati di storia del rock questa energia diventa qualcosa di ancora diverso, molto intimo e potente in modo raccolto e compresso.

Buon divertimento agli amici che seguiranno il tour americano e a presto (un anno passa in fretta…) agli amici Italiani ed Europei (e anche sudamericani, perchè nel 2011 potrebbe anche esserci qualcosa per loro, speriamo)!

Let’s go!!!

fonte: http://www.nyc-site.com