4 video per “Mezzogiorno”

Maki Gherzi

Da venerdì 23 gennaio sarà in tutte le radio MEZZOGIORNO, quinto singolo da SAFARI, l’album di Jovanotti, disco dell’anno al primo posto delle classifiche di vendita.

MEZZOGIORNO è accompagnato da un “poker di video”, on air in tutte le tv musicali da lunedì 26 gennaio. Quattro video diversi per una sola canzone con il desiderio di suscitare emozioni attraverso le immagini.

Lorenzo per il video ha lavorato con il regista Maki Gherzi, il produttore Paolo Soravia e Giorgio Rossi, storica figura del teatro danza in Italia e nel mondo.

Giorgio Rossi, Lorenzo e alcuni danzatori hanno giocato a rompere ogni schema, a violare ogni codice mantenendo intatta la voglia di dare un’emozione indefinibile al pubblico. I danzatori e Lorenzo portano in scena una storia, un’interpretazione della canzone di una semplicità disarmante, che però lascia un sapore, un desiderio, una promessa di vita come dicono i versi di “Agua de Marzo” di Jobim

Racconta Lorenzo: “Volevamo un video semplicissimo, povero ma non triste, anzi che esprimesse una specie di gioia irragionevole, che camminasse in equilibrio tra linguaggi non codificabili. In un momento in cui la realtà può essere ricostruita al computer, in cui il fotoritocco può dare a ognuno la patina che desidera, abbiamo provato a tornare allo spirito del rock’n’roll, quello che c’è nei protovideo dei Beatles o di Celentano adattandolo alla modernità, gettandolo nel frullatore magico dei linguaggi del nostro tempo.

MEZZOGIORNO è l’ultimo video da SAFARI e per me vale come un saluto, un abbraccio al generoso pubblico che ha premiato la mia musica in questi mesi con un affetto che mi ha lasciato con un sorriso stampato in faccia e la voglia di ricambiare. E’ il mio video in assoluto più semplice e “basic” e spero che trasmetta l’energia che ci abbiamo messo nel farlo, energia pura, senza altro mezzo che noi stessi.
Ripartire da noi, dal nostro corpo che racconta meglio di qualsiasi altro mezzo la nostra storia, quello che siamo, quello che vogliamo.”